Silvana Baroni

Home

letteratura

Arte

Recensioni

LA MAGLIFICA

una madre non fa la maglia
fa la ragnatela


Vostra madre non sarà mai un familiare qualunque

Non fate ad altri quello che non vorreste fosse fatto a vostra madre!

Vostra madre sostiene che siete nati dal parto più doloroso e difficile di tutta la storia dell’ostetricia…

…inoltre ha sofferto molto per qualcosa che non vi dirà mai, tanto non capireste.

Se siete piccoli, lei precede i vostri bisogni
se siete ragazzi, precede i vostri conflitti
se siete grandi, precede le vostre delusioni…

…soprattutto veglia, così da precedere anche la sveglia.

Una cosa è certa: quando aveste il morbillo la rendeste più madre.

 E’ partecipe: fa i calcoli renali quando andate male in matematica o perdete in borsa.

Se state male solo lei ne sa le ragioni. Se sta male lei, lo sa solo Iddio!

E’ lei che, spronandovi al bene, vi ha insegnato tutte le perversioni possibili, anche quelle che non avreste mai immaginato.

Voi siete un ribelle. Invece tutti i vostri amici lavorano in banca.

Se vostra madre vi lancia domande stupidissime, quello è un test d’intelligenza!

I vostri amici vi plagiano. Lei, vostra madre, non la state neppure a sentire.

Se le toccate il tallone d’Achille, aspettatevi una stincata!

Se vi sorprende in una giornata no, vi consola raccontandovi dell’unica giornata di tutta la sua vita.


Lei non emette giudizi, lancia boomerang.

Vostra madre crea continui scandali, semplicemente con il suo senso smodato del pudore…

…e spera in segreto che raccontiate barzellette piccanti, così da fingere di non capirle.

 Nelle grandi occasioni si mette a lungo in posa per sembrare spontanea.


Non fate mai brutte figure! Lei potrebbe morirne di vergogna.

La sua massima ambizione sta nel convincervi della sua estrema modestia.

Vostra madre non fa la maglia, fa la ragnatela

 La mamma si mette al centro in modo che, voi della famiglia, possiate essere la sua circonferenza.

Ci sono madri che prendono la vita così come viene. La vostra, no, la dipana.


Lei non parla, fa profezie.

Più è imperfetta, più usa il condizionale. E’ così che condiziona la vostra vita…

…se usa il passato è per non dare confidenza al vostro presente…

…se usa il trapassato lo fa per terrorizzare il vostro futuro…

…se parla in modo raffinato, sicuramente è a corto di idee...

…dice bugie soltanto per occupare più spazio…

…sa mentire anche senza aprir bocca, ma se parla pare più vero.

Più voi siete silenziosi, più lei parlerà del vostro muso.

La mamma vuol essere presa per quel poco che ha: per l’aureola!

Non è immortale, ma indenne alla polvere.

E’ una donna libera, d’invecchiare.

Non ucciderebbe mai una mosca, ma galline, conigli, tacchini, sì!

Se è al massimo dei giri, è Natale.

Quando sembra dormire, vigila; quando sembra vigilare, sonnecchia.

Quando ha qualcosa da nascondere, lo cucina...

…come cucina lei non cucinava nemmeno la nonna.

Per togliervi un’ ombra di macchia, infeltrisce il vostro maglione preferito.

Lei non rammenda le calze, ma i vostri passi falsi.

Prima che glielo spiegaste, credeva che i profilattici fossero enzimi per fare lo yogurt.

A forza d’amare, ha un cuore d’atleta

 La mamma ha la gioia nel cuore, quello vostro!

La mamma ha la rabbia nel cuore, quello di papà!

Le sue bugie salvano, le vostre non se le aspettava proprio.

E’ stanca di fare sempre tutto da sola…

…anche se una vera madre, ed è lei che lo dice, fa tutto da sé!

E’ felice se la gita, che avete fatto in sua assenza, non ne valeva proprio la pena.

Mamma lamenta che l’incontro con vostro padre fu il bastone di traverso al suo destino. Ma poi vi accarezza e vi dice:
“è andata ugualmente bene così!”

Non si arrende all’idea che i vostri continui punzecchiamenti, si chiamino humour!

Vostra madre è così forte da incasinare la vita di tutti i deboli che incontra.

 

                            

Ama vivere per gli altri, esattamente tra i loro piedi.

Ovviamente c’è chi l’ama e chi l’odia.
Lei riesce a incattivirli tutti, equamente!

Si lamenta che le tocca servirvi ogni giorno. Un giorno si lamenterà perché non servirà più a nulla.

Tampina col suo estenuante altruismo il pur minimo vostro egoismo.

Lei, che non conosce la noia, riesce ad annoiare perfino la vostra.

E’ sempre coerente, ma si ricarica
contraddicendosi.

Non vuole essere longeva. Vuole soltanto allungare lo sguardo sulla vostra longevità.

Se vi chiede cosa intendete fare, è solo per precedervi sul finale.

E’ sempre ordinata: quando cerca quello che ha perso oggi, ritrova sempre quello che ha perso ieri.

Gli unici film che vede con gioia sono quelli che fanno piangere…

…perché soltanto i film che fanno piangere sono edificanti.

Quando non sa come vendicarsi, perdona.

Quando perdona, lo sa tutto il quartiere.

 

 

Ha paura dell’aereo, ma fila via come un treno

 Ha paura di avere coraggio. Chissà che paura avrebbe!

Appena smaltisce l’ansia della partenza, attacca con l’ansia per il ritorno.

Viaggerebbe volentieri se non ci fossero di mezzo gli aerei, le navi, i treni, le auto.

Ha paura d’arrivare in ritardo, eppure dimentica inesorabilmente di ricaricare l’orologio.

Sarebbe una donna fortissima se non sprecasse tutte le energie a far finta di esserlo.


Quello che si aspetta, in un modo o nell’altro lo fa accadere…

…e proprio con quello sguardo perfido di chi se l’aspetta…

…perché il sentimento che proprio non conosce è la spensieratezza…

…perché lei crede con tutta l’anima nella grande vitalità della sfiga!


Uno dei misteri gaudiosi: la mamma fa sempre tanti sforzi per andare avanti, rimanendo sempre immobile al suo posto…

…eppure è sempre molto stanca perché non rimanda mai a domani quello che può strafare oggi.

Si alza prestissimo, per rinunciare alla vita con calma.

Spende moltissimo perché compra di tutto. Basta che sia a buon mercato!

Negli uffici non c’è fila che le resiste. Lei pratica lo slalom!

Per lei il progresso poteva andar bene una volta, ma oggi che bisogno ce n’è?

Il progresso si dirige spietatamente in avanti, a deluderla.

Lei ha raggiunto la perfezione: è timida ed eroica, delicata e robusta, razionale e sensibile, saggia ed entusiasta…

…e cucina polpette che sembrano anitra all’arancia.


Crede in Dio onnipotente ma non disdegna l’onnipresenza dei telegiornali.

Ha vinto tutte le battaglie possibili, arroccandovi nei sentimenti di colpa.

La sua casa, per piccina che sia, è pur sempre la sua Badia!


La sa lunga sull’amore, pur non avendolo mai incontrato

 Vostra madre, come tutte le altre, ebbe un fidanzato miliardario. Ma si è sposata con vostro padre, uomo semplice ed onesto.

Da fidanzata era una farfalla, poi si sposò, chiuse le ali e ingrassò di trenta chili.


Fra mamma e papà fu il classico colpo di fulmine, e voi, quando nasceste, sapevate ancora di bruciato.

Col passare degli anni ,vostra madre infierisce contro papà sempre con maggior garbo. Non vuol perdere l’unico fedele nemico rimastole!

Basterebbe un nulla a farla felice. Il difficile è trovare quel nulla!

Litiga con papà per via del fumo, ma poi lo giustifica affermando che, dopo trent’anni, anche Venere e Bacco si sarebbero litigati il tabacco!

Mamma è la moglie ideale, perché, non avendo trovato l’uomo ideale, si adatta.


Mamma è convinta che non esiste la felicità, pur tuttavia è sempre propensa ad invidiarla.

Per lei ci sono due tipi di passione. Quella pro e quella contro la passione...

…sa inoltre che la fedeltà finisce per conservare reliquie, ma non lo ammetterà mai difronte a vostro padre.

Proprio non capisce perché il destino è stato così avaro con lei, lei che si è sempre e così tanto sacrificata!

Tutte le volte ch’è rimasta alla frutta si è fatta un tiramisù.

Mamma vive di ricordi, papà di dimenticanze.


Mamma ha sempre troppo caldo o troppo freddo…

…in tutti e due i casi ha la maglia di lana.

Quando tira fuori il ventaglio è estate, quando lo ripone è finita la menopausa.


 Si intende di storia, d’arte e di politica, che vi Sgarbi o no!

 I suoi pettegolezzi sono collane. Cause ed effetti li infila come fossero perline.

Lei è aggiornata: sa che il femminismo l’ha inventato Cicciolina…

…che la storia non si deve capire dopo, ma intuire prima…

…e che, se il paese bene o male va avanti,
è perché le madri sono cani che abbaiono ma non mordono.

Mamma è furibonda all’idea che i diritti della vostra generazione siano stati esattamente i doveri della sua.

Se dice “ci devo pensare”, non è proprio il caso di farsi illusioni…

…se dice “tutto è possibile”, vuol dire “no!”…

…se non la pensate come lei, glielo fate apposta.

L’erba del vicino è il visone della vicina.

La sua rigidità non è una semplice facciata; girate l’angolo e vedrete che spigoli taglienti!

I suoi giudizi si distinguono in: amari, acidi e sotto sale.

Le sue definizioni, quando non provocano
confusione mentale, tolgono sicuramente il gusto alla vita.

Lei non crede in un mondo pulito ed onesto perchè, in qualsiasi caso, ci andrebbe ad abitare la maggioranza…

…lei sa che, prima o poi, come ogni prodotto, anche la maggioranza scade!


Per lei ci sono due tipi di politici: quelli che aprono la bocca a vanvera e quelli che si aprono una via di fuga.

E’ d’accordo con papà sul fatto che “non si è più onesti come una volta”…

invece litiga sul detto: “si stava meglio quando si stava peggio”.

Per mamma ci sono troppi fascisti di sinistra, per papà troppi comunisti di destra. Questo li fa simili in politica.

Alla fine una cosa è certa, vostra madre stima soltanto chi sopravvive alle sue opinioni!


In pieno accordo con papà, ne ha le scatole piene di tutti questi orizzonti allargati…

…che voi chiamate globalizzazzione!

 

Vostra madre è un cuneo: tra voi e papà, tra voi e gli amici, tra voi e l’amore

 Se allarga e allunga le braccia vuol dire che voi siete belli e sani, se le depone sul grembo vuol dire che papà rompe.

E’ sempre angosciata perché teme che vi drogate. Proprio lei che è stata la prima
a passarvi i suoi tranquillanti…

…vi richiederà i suoi tranquillanti la sera che sarà certa che non vi drogate.

Col passare degli anni vi minaccia: “se non mangiate la mia minestra, compratevi la pizza a taglio, e con i vostri soldi! E così vi verrà pure l’ulcera!”


Per mamma, tutti gli uomini sono disonesti. Papà invece nemmeno ci arriva.

Per lei la morale è caduta troppo in basso.
A forza d’essere elastica s’è slabbrata, insieme alle vostre mutande.

Del resto lei sente sempre puzza di bruciato, tranne quando è lei ad aver lasciato la pentola sul fuoco.

Più da figlia giocava a fare la mamma,
più da madre giocherà a fare la figlia.

Mamma da giovane aveva gli occhi di Elisabeth Taylor, le curve di Marilyn, i capelli di Brigitte Bardot, il fascino di Ava Gardner. Ma si è scelta vostro padre, ch’era magrolino e timido.

La sua vita assomiglia a quella di Anita, ma papà non ha nulla di Garibaldi!

Per lei, una telefonata anonima dà il vero nome alle cose…

…e dopo la fase orecchio per orecchio, passa alle vie di fatto: occhio per occhio!


Più era esile e romantica da giovane, più diverrà col tempo coriacea e cinica.

La sua vita è tutta una recitazione, quando va a teatro è per riposarsi un po’.

 

 Più vi abiterà lontano, più arriverà in anticipo

 La prima volta che ve ne andrete di casa, lei farà la sua prima visita dal neurologo.

Vostra madre riconosceva il vostro vagito tra tanti? Ora tocca a voi riconoscere, fra tutti, il cigolio del suo carrello della spesa!

Mamma è un’artista. Quando vi incide l’anima, non dovete reagire: lo fa per rimodellarvi!

Spesso vi ripeterà: “o imparate da vostra madre, o ripeterete gli errori di vostro padre!”…

…”per fortuna che il talento l’avete preso da me! Papà è già molto che ha lasciato fare!”

Ogni occasione sarà buona per ricordarvi che “la retta via è sempre quella spezzata
e per giunta in salita”...

…e se volete credito, non dovete mai dare l’impressione di aspettarvelo.

La mamma ama fare sorprese. Verrà a trovarvi esattamente la sera che avete organizzato un’orgia.


Per il suo compleanno non avete scampo. Se vi scordate il regalo, lei già se lo aspettava, se glielo fate, è un oggetto superfluo. In qualsiasi caso non saprebbe come usarlo.

Se andandola a trovare, non la baciate, è certa che le state nascondendo qualcosa…

…se nemmeno aprite bocca, lei già sa dove volete andare a parare…

…se vi confidate con lei, non gliela raccontate tutta…

…se gliela raccontate tutta, non gliela raccontate giusta!


Se uscirà da casa vostra sbattendo la porta, niente timori!
Tornerà più presto del solito.

 

 La fortuna è cieca, l’amore è cieco, la mamma ci vede benissimo!

 Lei non crede ciecamente, lei è diversa da S.Tommaso. Lei ci vuol metter bocca!

 Vostra madre è miope? State tranquilli! Compenserà con la mania di grandezza.

In ogni caso, ha una fiducia cieca per il suo oculista.

Crede ciecamente nella fedeltà di papà, ma sorveglia quei pochi barlumi di lucidità che gli restano.

In lei, il buon senso funziona a discapito degli altri cinque.


Se rincasate presto, avete avuto una
frustrazione…

…se rincasate tardi, chissà chi avete incontrato…

…se siete puntuali, dovete aver qualcosa di grave da nascondere.

Una mela al giorno le aveva tolto il medico di torno, ma un melone ghiacciato gliel’ha restituito...

…in ogni modo lei capisce il valore di un professionista già dalla sala d’attesa.

Lei si aspetta dalla Medicina una scoperta che la curi e un malinteso che la uccida.

Se portate un problema a casa di vostra madre, avete già sbagliato posto!

Per lei, se un fatto è molto piacevole, non può essere vero.

I suoi consigli vi sostengono, come la corda l’impiccato.

Vostra madre è un essere assai originale che però si mimetizza benissimo fra la folla…

…ma lei non ama la folla, perchè non la sta mai a sentire come vorrebbe.

Anche vostra madre ha le amiche. Ma al solo scopo di deluderla.

State attenti! L’amaro di tutta la sua vita ve lo spaccia per aperitivo!

Le sue qualità sono inversamente proporzionali a quelle che crede d’avere…

…come dire: si dà grandi arie d’essere modesta!

Ormai vede bene come stanno le cose della vita. Ma non vede come s’è ridotta, a forza di guardarle!

Prima di fare scelte in amore, sentite vostra Madre!! ??

Sei il figlio?

Altro che bacio del principe! Tua madre sveglierebbe la tua bella addormentata nel bosco con un cazzotto in bocca!Tua madre sveglierebbe la tua bella addormentata nel bosco con un cazzotto in bocca!

A tua madre, che con una fava ha sempre preso due piccioni, quella piccioncina della tua ragazza sembra disposta a prendere più di una fava!

E’ contenta invece della tua ultima amica, perché a guardarla da vicino, non è poi tanto male. Non come certe ragazze che già da lontano fanno vedere di essere attraenti.

Mamma ritiene che ci siano due tipi di donna: Penelope che “tesse” e Circe che “sesse”. Quest’ultima è una ragazza ben equipaggiata, con un’entrata perfino indipendente.

Nelle foto del tuo fidanzamento mamma ha due rughe: una le taglia il sorriso, l’altra le taglia lo sguardo.

Quando partirai per la luna di miele, lei resterà per tutto il tempo, di fiele.

Sei la figlia?

Mamma ti dirà che non devi fidarti del tuo ragazzo; è plagiato da quella strega di sua madre!

E’ preoccupata, perché a guardarvi così fissi negli occhi, finirete strabici!


Il vostro rapporto funzionerebbe meglio se parlaste di meno al telefono…

…e se proprio dovete baciarvi , fatelo almeno con un po’ meno di labbra!

Per mamma un ragazzo bello e povero è inevitabilmente povero, un ragazzo brutto e ricco è sicuramente ricco.

Tutte le confidenze che farai a tua madre, riguardo al tuo ragazzo, lei le fraintenderà…

…e se le menti, il tuo rossore verrà centrato con destrezza dalle sue occhiate.

Ma se la metti alle strette, finirà per ammettere che regalare la verginità è sempre meglio che perderla.


Natale a casa con i tuoi! Pasqua in giro con i tuoi!

I vostri genitori non stanno insieme per caso. Per mamma è semplice rendere le cose complicate, per papà è complicato renderle semplici.

Papà smise di fare il podista perchè ne aveva piene le sca...rpe, e mamma le sca…tole!


Papà, avrebbe dovuto fare il marinaio, visto che non sta nè in cielo nè in terra...

…inoltre, o sta sempre fuori o sta sempre in mezzo!

I parenti di papà sono morti di cancro, quelli di mamma con un brutto male…

…mamma ce l’ha con la zia perchè è morta prima che lei riuscisse ad arrivare in ospedale…

…ce l’ha con il nonno perchè, deceduto a settanta anni, ha abbassato la media di sopravvivenza della intera famiglia…

…e con zio Alfredo, perché non ha accettato i suoi consigli. E’ morto di suo!…

…da quando ha chiuso gli occhi alla nonna, mamma fa di tutto per tenere i suoi bene aperti!


Per zio Alfio la vita è stata tutta un teatrino; per sua moglie tutto un ospedale. Vostro cugino verrà un attore malaticcio!

Molte madri sono il cemento della famiglia, la vostra è il collage di tutti i pettegolezzi sulla famiglia di papà.


Il marito di zia Esmeralda è un enorme mediocre: riesce a lasciare ovunque un’ombra più lunga della sua bassezza!

Vostro nonno riuscì a risolvere il problema del bicchiere mezzo pieno-mezzo vuoto con
un paio di fiaschi di riserva.

Mammma sbandiera ai quattro venti i panni sporchi di papà; non per cattiveria, ma per esibire poi la sua abilità nel candeggio.

La madre di vostra madre le ha dato in sogno una cinquina, la madre di papà nemmeno giocava a briscola.

Mamma, se invita a cena la sorella di papà, è sicuramente a corto di pettegolezzi.

Le sorelle di mamma sono invidiose, i fratelli se ne fregano.

Se i parenti litigano, mamma arbitra…

…e se mamma arbitra, statene certi, scoppia la rissa!

Dante ha avuto la sua musa, Puccini la sua Musetta, vostro padre ha avuto la moglie col muso!

 Mamma dice che non tutti gli uomini a letto sono uguali, a russare...

…e che papà a letto è soltanto un uomo steso.

Papà è sempre stato un ingenuo. Meno male che c’era la mamma a togliergli i falsi amici di torno…

…lei lo ha sorpreso in fragrante più di una volta. Ma di cosa, non ne è poi molto certa.

Da quando hanno imparato a fregarsene, sono diventati una simpatica coppia.


Mamma racconta che vostro padre ha creduto in Dio fino a vent’anni; poi s’è messo a fare lo snob!

L’ottimismo di mamma si fonda sul pessimismo di papà, e viceversa…

…e lei, che non ha studiato Machiavelli, è stata certamente il mezzo della sua fine.

 

In ogni modoo, le cose fra loro migliorano appena uno dei due si ammala.


Lei è pratica e praticante, lui praticone...

…anche se alla fine, anche lui ha finito per aver solidi principi: quelli di vostra madre!

Quando si parla di cattivi cristiani, vostra madre ammette che papà, in fondo, è un povero diavolo!

La passione tra i due diminuì in modo lento e indolore, che nemmeno se ne accorsero.

Papà, che da giovane aveva una sensibilità da poeta, oggi ha una sincerità da ginecologo.

Ormai i due si alternano con destrezza: se uno finge di dire, l’altro finge d’ascoltare.


Mamma ha la pelle dura, papà la psoriasi…

…mamma è il principio di realtà fatto carne, sulla pelle di papà…

…sebbene la combattività di lei col tempo abbia perso smalto…

…esattamente quello delle sue unghie rimaste conficcate nella carne di papà!

Papà spende ai cavalli tutto quello che mamma risparmia coi saldi…

…ma nelle situazioni difficili, quando le cose non potrebbero andare peggio, mamma gli lascerà lo scettro del comando.

La mamma conserva di tutto. Per questo il loro matrimonio dura!