Silvana Baroni

Home

letteratura

Arte

Recensioni

Per questa terra senza ritorno
è volontà possibile il garbo delle mani
spigolare dimenticanza
separare matrici da coni pallidi roventi
del medesimo rito magro magnifico
parole distilliamo dagli accenti stupefacenti
un calendario infinito ci fa consci
ad altissima temperatura identici
afflitti nel medesimo soggiorno tentiamo la prosa
occhi da poco scuciti tonsille figurate maligne
riaffiorano tetti aguzzi vacanze di sabbia fiori freschi boulevard
vapori tutta la vita che scorre tra inchiostro suffumigi barriti
frequentiamo inedite rassegne
la stessa febbre come fosse mare
Dalla vita nati a fiotti
accentati
archiviati
alcuni viaggiando.

 

Nel giardino del caffè caldo
il pollo s’è nascosto
nell’alito della gente complimentosa.

 

Sai di pane
pane affamato della mia stessa fame
ma questo finirà per essere insopportabile
trasformiamoci!
in minuscoli palpiti di ciliegia.