Silvana Baroni

   Home

letteratura

Arte

Recensioni

Forma Mentis - Forma Fluens. Giornata dedicata alle lingue. Efim Talapan e Silvana Baroni. Presso Biblioteca Rispoli Roma 11/2012

Aforismi Liquidi Fosforescenti

Silvana Baroni ha un linguaggio chiaro, trasparente, raffigura silhouette capaci di rispecchiare stati d’animo in sinergia con la parola scritta. Cattura, seduce, gioca, ci lega senza mai togliere la libertà. Percorre i selciati della mente, ritorna, sposta lo sguardo, stuzzica, inventa, interagisce con lo sfondo interno e esterno, incide un segno nel foglio bianco, scrive disegnando la nudità delle parole a tinte forti, oppure lascia tutto in bianco in nero. Ci invita ad un gioco raffinato dove pensiero e immaginazione hanno per complice l’eclettismo. Mantiene con il lettore un dialogo creativo. Fa arte con razionalismo, intelligenza e umorismo. I suoi aforismi hanno natura sulfamidica, ossia: contro i batteri del malessere del vivere. Ecco le sue pillole di saggezza.

Mentre mi addentro nella sua arte, una maschera antropomorfa si scioglie. Improvvisamente sono catapultata in uno insolito divano. Percepisco orme antiche, vedo in alto un sorriso malizioso che danza in una superficie acquosa verde rana. E' un quadro mobile, tecnologico. Alle mie orecchie, più grandi del normale, arriva un linguaggio nevralgico, percepisco fili invisibili che scendono sul mio corpo di pesce, però sono a mio agio, interagisco in quella atmosfera surreale; l’artefice li taglia con una scheggia di quarzo rosa, e essi diventano aforismi liquidi fosforescenti.

Sbalordita, ritorno da quel viaggio psichedelico. Mi trovo sempre seduta sul divano. Mentalmente percorro una linea retta tra due punti tracciati. Ancora una volta, l’ambiente cambia drasticamente. Sono nella savana, mi fermo vicino ad un circolo, dentro c’è una scimmia che punta dolcemente il dito dritto sul mio naso. Si innesca un risata collettiva. Il gioco è quasi innocuo, con qualche graffio epistemologico. “In quell’attimo d’eternità, il tempo è innamorato”. L’eco arriva fino qui, mentre rivivo quelle emozioni.

Therezinha Teixeira de Siqueira